In primo piano

Notte in Rosa

Quest’estate la redazione di Slow Wine propone un nuovo appuntamento rivolto a tutte le condotte italiane. Slow Food Editore, durante l’ultima edizione di Vinitaly, ha presentato il nuovo volume: “I migliori 100 Vini Rosa d’Italia”, un testo che ha l’obiettivo di rilanciare l’attenzione su questa tipologia troppo spesso misconosciuta nel nostro paese, ma che sta vivendo un vero e proprio rinascimento nel resto del mondo. Durante le serate i partecipanti potranno gustare appunto una selezione dei migliori 100 vini Rosa d’Italia che la redazione di Slow Wine ha recensito e raccontato.

Slow food ha deciso di iniziare ad organizzare questo evento, chiamato la Notte Rosa, a partire dal 14 luglio, festa nazionale francese per la presa della Bastiglia. Visto che i transalpini sono unanimemente considerati i maestri dei vini rosé abbiamo pensato di rendere omaggio ai nostri cugini e di lanciare loro anche un amichevole guanto di sfida. Come detto in precedenza, in Italia purtroppo la tipologia è ancora molto poco conosciuta dagli appassionati, tanto è vero che a livello mondiale il nostro mercato interno è l’unico in controtendenza, poiché vede una contrazione dei consumi dei rosa, mentre ad esempio negli Usa il trend di crescita è addirittura in doppia cifra. Insomma, i primi a non crederci siamo noi, peccato perché nel nostro volume: I migliori 100 Vini Rosa d’Italia tratteggiamo una situazione confortante della produzione interna con molte note positive a partire dalla qualità molto alta delle etichette selezionate.

La Notte Rosa è un’occasione per sostenere il progetto degli Orti in Africa di Slow Food. Realizzare 10.000 orti buoni, puliti e giusti nelle scuole e nelle comunità africane significa sensibilizzare le nuove generazioni del continente sull’importanza della biodiversità alimentare, favorendo l’accesso a cibi sani e freschi a una rete di leader consapevoli del valore della propria terra e della propria cultura.

Ricordiamo che è una raccolta fondi e che dobbiamo quindi invitare il pubblico delle cene a fare una donazione – anche piccola – sul nostro sito https://www.slowfood.com/donate/it/. La redazione di Slow Wine donerà una parte del ricavato dell’iniziativa Notte Rosa alla creazione di un orto.

Come per 100 Cene per Slow Wine, durante la serata si gusteranno 5 vini e ad ogni coppia partecipante verrà data la guida “I migliori 100 Vini Rosa d’Italia”.

Per questa Notte Rosa saremo ospiti del Ristorante Selvatico di Rivanazzano Terme dove lo chef Michela, non appena avremo l’elenco dei vini, ci preparerà un’apericena con cinque assaggi da accompagnare ai cinque vini, che pubblicheremo tempestivamente.

Ristorante Selvatico, Via Silvio Pellico 19 – Rivanazzano Terme (PV);

16 luglio 2019 a partire dalle ore 19.30

tel. 0383 944720; mail: info@albergoselvatico.com

Quota di Adesione € 30.00Notte rosa

I nostri presìdi

In Oltrepò Pavese è presente il Presidio “Razza, Varzese, Tortonese, Ottonese, Cabellotta, montana, in dialetto anche “biunda”, per via del suo mantello fromentino: sono tutte denominazioni di una stessa razza bovina, un tempo diffusa nella pianura lombarda, nell’alessandrino, nel pavese e anche sull’appennino spezzino.

Presìdi del territorio

I Presìdi Slow Food sostengono le piccole produzioni tradizionali che rischiano di scomparire, valorizzano territori, recuperano antichi mestieri e tecniche di lavorazione, salvano dall’estinzione razze autoctone e varietà di ortaggi e frutta.

Clicca per saperne di più.