In primo piano

Una cordata speciale Slow Food Oltrepò Pavese in Germania

Germania

Dopo la positiva partecipazione alla Fiera Slow Food di Stoccarda nel 2016 con lo stand “Antichi Sentieri del Nord Italia” la  Condotta Oltrepò Pavese, con la Comunità del Cibo e con vari produttori anche di Condotte limitrofe, quest’anno dal 21 al 24 giugno sarà ospite d’onore a Wiesbaden in occasione di una manifestazione condivisa con ben cinque Condotte tedesche del territorio Reno-Meno: Frankfurt, Rheingau, Rheinhessen,  Taunus/Westerwald e Odenwald.
Grazie ad una degustazione guidata si presenteranno ma anche si racconteranno i nostri territori con aneddoti, con vini slow , con prodotti dell’Arca e Presidi; inoltre, grazie all’instancabile Piera Selvatico, la prima  serata si concluderà con una  cena che, evocando  proprio gli antichi sentieri del Nord Italia, legherà idealmente i territori presentati.
Ci sarà poi anche l’occasione di visitare alcuni produttori del luogo, in particolare viticoltori, e di effettuare scambio di esperienze e di prodotti. 
Pochi giorni ma tanta intensità e tanto lavoro di preparazione condotto dai produttori e da Barbara Feltri della Condotta Oltrepò pavese. Un grazie a tutti i collaboratori e produttori: Enrico Odetti, Stefano Calatroni, Giovanna Brazzola, Emilio Manelli, Piera Spalla, Rosita Folli, Roberto Grattone, Gianluca Re, Mauro Argenteri.
Un grazie speciale va al Prof. Ulrich Steger che ha sempre sostenuto con convinzione e con passione il progetto.

I nostri presìdi

In Oltrepò Pavese è presente il Presidio “Razza, Varzese, Tortonese, Ottonese, Cabellotta, montana, in dialetto anche “biunda”, per via del suo mantello fromentino: sono tutte denominazioni di una stessa razza bovina, un tempo diffusa nella pianura lombarda, nell’alessandrino, nel pavese e anche sull’appennino spezzino.

Presìdi del territorio

I Presìdi Slow Food sostengono le piccole produzioni tradizionali che rischiano di scomparire, valorizzano territori, recuperano antichi mestieri e tecniche di lavorazione, salvano dall’estinzione razze autoctone e varietà di ortaggi e frutta.

Clicca per saperne di più.